“Un peep show per Cenerentola” è prima di tutto uno spazio drammaturgico, una scenografia parlante, una creazione di teatro-danza immaginata e pensata proprio per quel Luogo che si nutre di sguardi, di occhi nascosti che guardano senza essere visti. Uno spazio scenico costituito da una piattaforma circolare, circondata da 14 cabine vetrate individuali che ospiteranno 14 spettatori.

Lo spazio crea una relazione intima, quasi segreta, tra attore e spettatore. Negli anni ’2O del ‘9OO utilizzato come luogo di giochi di seduzione e sensualità in atmosfere di velluto, il Peep Show ha oggi un’altra occasione: Teatro la Ribalta-Kunst der Vielfalt ha deciso di farne lo spazio scenico adeguato al momento che stiamo attraversando, garantendo così il distanziamento fisico, senza perdere l’unicità dello spettacolo dal vivo né rinunciare alla socialità.

Cenerentola è un pretesto, una suggestione, che porta ai temi del desiderio, dell’apparire e della bellezza.

Di/Von Paola Guerra e Antonio Viganò

Regia/Regie: Antonio Viganò
Scrittura coreografica/Choreografie: Michela Lucenti
Scene/Buehnenbild: Roberto Banci
Costumi/Kostüme: Elena Beccaro

Attori e danzatori/SchauspielerInnen und TaenzerInnen: Jason De Majo, Paolo Grossi, Maria Magdolna Johannes, Mirenia Lonardi, Stefania Mazzilli Muratori, Sara Menestrina, Michael Untertrifaller, Rocco Ventura

Tecnica/Technik: Melissa Pircali, Andrea Venturell

Produzione/Produktion: Teatro la Ribalta-Kunst der Vielfalt
Coproduzione/Koproduktion: Oriente Occidente Dance Festival con il sostegno di EBA Europe Beyond Access co-funded by the Creative Europe Programme of the European Union